Home page
Informazioni utili
Dove siamo
Chi siamo
Contatti


Nel tentativo di tenere integra la tradizione delle lavorazioni artigianali manuali, che un tempo venivano effettuate .......continua


Territorio
La cartina
La storia
Le vecchie carceri
Le Chiese
Mostre e Musei
Feste e Sagre
Costume sardo
Cinema



Archeologia
Una serie di elementi archeologici hanno lasciato sul territorio, un bel complesso nuragico, con nuraghi, villaggi....continua


Nuraghi
Domus de Janas
Menhirs
Tombe dei Giganti
Torri
Reperti sub



Potete gustare i piatti con vari prodotti della campagna oltre a quelli del mare.........continua

Cena in Agriturismo
Prodotti tipici
I primi
I secondi
I dolci
I vini


 

Prodotti Tipici

Il pane e i dolci sardi
Il pane, alimento sacro a tutti gli effetti, in Sardegna è stato per millenni risorsa alimentare primaria e spesso unica. Invocato, venerato e prodotto dalle donne di casa ( ogni focolare ha un forno ) tra complessi rituali e preghiere, è sempre al centro dei più importanti avvenimenti, seguito da vicino dalle tante varietà di dolci,frutto anch'essi di farine e dei loro arcani impasti.

I pani più comuni sono: il pan'e trigu (di grano), su civraxu (pane nero) su moddizzosu (una spugnosa pagnotta fatta a cupola e confezionata per onorare i Santi).

Anche i dolci, a base di ingredienti semplici come farina, zucchero, mandorle e miele, presentano variazioni infinite.
Legati a momenti di festa o anniversari, caratterizzano gli appuntamenti più importanti del calendario religioso e della vita sociale.

Alcuni di questi dolci sono quasi del tutto spariti: per esempio gli zarminos, meringhe destinate ai banchetti delle cerimonie nuziali o ai battesimi, o il pane de is posus (il pane degli sposi), un impasto di mandorle e miele decorato con fiori della stessa pasta. Altri invece hanno superato la soglia del Duemila e si possono ancora gustare durante le feste.

Tradizionale a Ognissanti e per la commemorazione dei Defunti è il pan'e sapa, un impasto di frutta secca, mandorle, cannella, scorza d'arancio amalgamato con sapa, il mosto cotto a fuoco lento finchè non assume la consistenza di uno sciroppo denso. Negli stessi giorni si preparano anche i papassinos, biscotti romboidali ricoperti di glassa, impastati con semola, uova, uva sultanina, pinoli e noci.

Mentre a Carnevale si preparano le zipulas, dolci fritti . Originaria del Logudoro, ma servita e conosciuta ormai in tutta la Sardegna, è la sebadas, una pasta non lievitata fritta e ricoperta di miele caldo, ripiena di formaggio fresco inacidito aromatizzato con scorza di limone grattugiata .

Quasi ovunque, si trovano anche gli amaretti a base di pasta di mandorle e i friabili bianchittus, piccole meringhe con mandorle tostate e scorza di limone. I pirichittus, bianchi e leggerissimi, a base di uova, olio d'oliva e farina.

Da non dimenticare le prelibate pardulas (formagelle), a base di ricotta fresca e sfoglia di pasta.
Infine, i profumati sospiri, chiamati gueffus nel Sud Sardegna: sono piccole sfere di mandorle tritate, zucchero, limone e acqua di fiori d'arancio.

 

 


Il movimento turistico verso la Sardegna ha iniziato a svilupparsi negli anni 50, quando vennero realizzale le prime strutture ricettive su alcune località marine .........continua


Hotel
Agriturismi
B&B
Camping
Ristoranti
Bar Pizzerie
Chioschi e Bar
Shopping e Svago



Sport e natura
Un autentico paradiso: dai fondali ricoperti da fitte praterie di posidonia .....continua


Spiagge
Attività sportive
Monte Sette Fratelli
Flora
Fauna
Le sorgenti


Trekking
Tra i tanti percorsi escursionistici che offre la foresta, uno de i più consigliati........continua


Escursioni in fuoristrada
Escursioni in barca
Tour della costa
Altre escursioni
Il Trenino Verde
La cartina


 
Home page
Informazioni utili
Dove siamo
Chi siamo
Contatti
© Castiadasonline.it Tutti i diritti sono riservati