Home page
Informazioni utili
Dove siamo
Chi siamo
Contatti


Nel tentativo di tenere integra la tradizione delle lavorazioni artigianali manuali, che un tempo venivano effettuate .......continua


Territorio
La cartina
La storia
Le vecchie carceri
Le Chiese
Mostre e Musei
Feste e Sagre
Costume sardo
Cinema



Archeologia
Una serie di elementi archeologici hanno lasciato sul territorio, un bel complesso nuragico, con nuraghi, villaggi....continua


Nuraghi
Domus de Janas
Menhirs
Tombe dei Giganti
Torri
Reperti sub



Potete gustare i piatti con vari prodotti della campagna oltre a quelli del mare.........continua

Cena in Agriturismo
Prodotti tipici
I primi
I secondi
I dolci
I vini


 

I SETTE FRATELLI

Tale denominazione deriva dal fatto che il nucleo principale della foresta è costituito da un'area occupata dal Massiccio dei Sette Fratelli, piccola catena montuosa con altezza media intorno agli 800 metri, nella quale svetta Punta Ceraxia (1.016 m.).

Le vette dei Sette Fratelli sono separate da incisioni e piccole valli quasi ortogonali fra loro; l'emergenza granitica di cui fanno parte appartiene a sua volta ad un più vasto affioramento che si protrae in modo più o meno continuo in Sardegna e Corsica con direzione N-S per oltre 400 km e in direzione E-W per 100 km.
Il Sarrabus, per la sua posizione marginale, non è interessato in modo vistoso dall'evento geologico dell'affioramento granitico, ed infatti affianco al granito troviamo altre rocce, quali scisti, risalenti al silurico.
In un quadro di estrema aridità quale è quello offerto dalle montagne Sarde, la presenza dell'acqua è uno degli elementi di maggior fascino della foresta dei Sette Fratelli.
Nella stagione delle piogge i corsi d'acqua della zona si presentano con una portata non eccessiva, salvo precipitazioni assai intense ma di breve durata; i dislivelli improvvisi, i salti, le cascatelle, le piscine naturali ed il terreno granitico su cui scorrono, fanno si che il loro percorso sia spesso movimentato.
L'antica foresta è stata quasi ovunque abbattuta per ottenere carbone, per creare nuovi spazi per il pascolo e l'agricoltura o per le ricerche minerarie, ma nelle zone più favorevoli dal punto di vista orografico e climatico, ed assoggettate da tempo al vincolo di tutela ambientale, alle antiche fustaie è sopravvissuta qualche lembo di foresta primaria, affiancata da una macchia foresta, che sotto il controllo dell'uomo è destinata a tornare al suo aspetto originario.

Qui ci si può immergere nella tipico bosco mediterraneo, costituito da lecci, querce da sughero, corbezzoli, eriche e mirto, ogni specie con la sua tonalità di verde; in primavera le brezze sollevano i mille profumi del ricco sottobosco, rappresentato oltre che dalle classiche piante della macchia mediterranea da numerosi endemismi quali la ginestra di Corsica, la digitale rosa, la pratolina spatolata, il verbasco di Sardegna, lo zafferano minore.
Dove l'ambiente si fa più umido per la presenza di sorgenti, ecco spuntare le felci, tra le quali la osmunda regale, il capelvenere tra gli strati di muschi e licheni che ricoprono le rocce, i ciclamini col caratteristico fiore rivolto verso il basso.
Nonostante la presenza dei bracconieri anche la fauna è ricca di specie sia come quantità che come varietà, oltre ai cinghiali che scorrazzano nel sottobosco dissodando il terreno con il loro forte muso, troviamo martore, gatti selvatici, ghiri e sempre più numerosa colonia di cervi sardi (cerus elaris).
Inoltre tra l'avifauna è possibile udire il tipico tambureggiare del picchio rosso o il rumoroso volo del colombaccio, mentre dove la vegetazione si fa più rada è presente la pernice sarda.
Non potevano mancare i rappresentanti dei rapaci, presenti con la temibile aquila reale, la poiana, l'astore ed il velocissimo falco pellegrino.

Parte di questa foresta, nel periodo in cui la colonia penale agricola di Castiadas era attiva, veniva sfruttata con l'ausilio dei detenuti forzati per la produzione di carbone da legna. Di questa attività rimangono solo dei distaccamenti e una rette di sentieri che penetrano nel fitto della foresta. La maggior parte di questi sentieri non sono tracciati per cui, per gli escursionisti, si ritiene indispensabile la presenza di persone esperte del territorio o la capacità di orientamento e di lettura delle cartine.

 

 


Il movimento turistico verso la Sardegna ha iniziato a svilupparsi negli anni 50, quando vennero realizzale le prime strutture ricettive su alcune località marine .........continua


Hotel
Agriturismi
B&B
Camping
Ristoranti
Bar Pizzerie
Chioschi e Bar
Shopping e Svago



Sport e natura
Un autentico paradiso: dai fondali ricoperti da fitte praterie di posidonia .....continua


Spiagge
Attività sportive
Monte Sette Fratelli
Flora
Fauna
Le sorgenti


Trekking
Tra i tanti percorsi escursionistici che offre la foresta, uno de i più consigliati........continua


Escursioni in fuoristrada
Escursioni in barca
Tour della costa
Altre escursioni
Il Trenino Verde
La cartina


 
Home page
Informazioni utili
Dove siamo
Chi siamo
Contatti
© Castiadasonline.it Tutti i diritti sono riservati